I più venduti

BIETOLA DA ORTO PIATTA D'EGITTO - BIOSEME 0725

Nuovo

ATTENZIONE: SI INFORMA CHE PER LE GRAMMATURE IL TEMPO DI ATTESA E' DI CIRCA UNA SETTIMANA PER GARANTIRE LA FRESCHEZZA E LA QUALITA' DEL PRODOTTO.

BARBABIETOLA, RADICE PIATTA DI COLORE ROSSO INTENSO, PRECOCISSIMA, RACCOLTA A 52 GIORNI DALL'EMERGENZA.

SEMINA DA FEBBRAIO A MAGGIO LA BUSTA CONTIENE CA. 150 SEMI

classificazione del seme ( legge sementiera n.1096 del 25 novembre 1971) categoria STANDARD
NUMERO DI SEMI PER GRAMMO 60
GERMINABILITA' MINIMA GARANTITA 70%
PUREZZA MINIMA GARANTITA 99%
DURATA DELLA GERMINABILITA' ANNI 5
DISTANZE DI SEMINA 15X35
PIANTE PER 1 METRO QUADRO 20
SEMINA DIRETTA – QUANTITA' DI SEME PER 1.000 MQ gr. 450 semina di precisione
SEMINA DIRETTA – QUANTITA' DI SEME PER 1.000 MQ gr. 2.000
PROFONDITA' DI SEMINA 1,5 CM
EMERGENZA DELLA PLANTULA A TEMPERATURA COSTANTE 10 GIORNI A 8°C
PERIODO DI SEMINA DA FINE INVERNO A META' ESTATE
CICLO VEGETATIVO GIORNI DALL'EMERGENZA 52
COLTIVAZIONE IN VASO POCO INDICATA
COLTIVAZIONE SU BALCONE POCO INDICATA
NOTE – effettuando il taglio delle foglie sopra la radice questa ricaccia nuove coste


Famiglia: Chenopodiaceae

Specie: Beta vulgaris var. Conditiva

Origine: bacino del Mediterraneo

CLIMA: ottimale per la crescita 15-20°C - minima 5°C - esposizione soleggiata.

SEMINA: luna crescente - impianto 40x20 - 20 piante mq.

BIOINFORMA Specie molto resistente, necessita di poche cure e di poca acqua, non è indicata la consociazione, coltura da rinnovo non deve seguire altre chenopodiaceae ( bietola da orto, roscano, spinacio ).

SCOPRI LA SCHEDA TECNICA CON TUTTI I DETTAGLI,CLICCA QUI O LEGGI QUI SOTTO.

Maggiori dettagli

3,50€

Dettagli

Bietola da Coste

Nome scientifico: Beta vulgaris L. var. cycla (L.) Ulrich

Famiglia: Chenopodiaceae

Breve storia e note botaniche sulla pianta
La bietola a coste (Beta vulgaris), originaria del bacino del Mediterraneo, è un ortaggio da foglia; vengono consumati cotti il lembo fogliare e i piccioli molto sviluppati detti coste. Viene coltivata in tutte le regioni italiane (soprattutto nel Lazio, Liguria, Toscana e Puglia) ed è presente sul mercato tutto l’anno, anche se il suo consumo è maggiore nel periodo invernale.
La bietola da coste è una pianta erbacea biennale: il primo anno se ne consumano le foglie cotte, mentre nel secondo anno è possibile utilizzare le radici per l’estrazione dello zucchero.
Presenta una radice fittonante di 2-4 cm di diametro e 20-30 cm di lunghezza.
Le foglie basali sono riunite a rosetta ed hanno un lembo spatolato o lanceolato, liscio o bolloso, sorretto da un picciolo carnoso ed appiattito (costa) di color bianco argento, verde, rosato o rosso, lungo 15-20 cm.
I fiori sono piccoli e dai colori verdastri, sono riuniti in glomeruli di 3-5 spighe fogliacee, a loro volta riunite in pannocchie; ciascun fiore è costituito da un ovario uniloculare, 5 stami e 3 brevi stigmi; l’impollinazione è anemofila e la fecondazione spesso incrociata; la fioritura avviene in primavera-estate e la raccolta del seme in luglio-agosto; il frutto è un glomerulo indeiscente, dal colore marrone chiaro a scuro, contenente 3-5 semi. La durata della germinabilità è 4-5 anni (peso 1.000 semi da 18 a 24 grammi).

bietola_380[1]
Famiglia e varietà
La bietola a coste appartiene alla stessa famiglia degli spinaci: le Chenopodiacee. Esistono varietà di bietola da costa primaverili ed autunnali (più resistenti alle basse temperature). Le cultivar vengono comunque distinte in base alla colorazione e bollosità delle foglie, grandezza e colore delle coste, adattamento alla coltura da taglio. Tra queste ricordiamo bietole con gambi che tendono al rosso e all’arancione, particolarmente belle e decorative, anche se in Italia sono più conosciute le varietà a gambi bianchi.

Esigenze pedoclimatiche
La bietola a coste tollera temperature di -2 -3°C, mentre la crescita vegetativa avviene con temperature superiori ai 5-6 °C. Se le condizioni termiche persistono sotto i 10 °C per qualche settimana durante le prime fasi di sviluppo, è opportuno coprire le giovani piante con tessuto non tessuto per evitarne la messa a seme. E’ una pianta rustica adatta a tutti i tipi di terreno, anche se preferisce quelli profondi, freschi, ben drenati e dotati di sostanza organica, con pH neutro o sub alcalino ma tollera bene anche elevati gradi di salinità.

Tempi di semina e trapianto
Le semine possono essere effettuate a partire da metà aprile fino a metà settembre, lo sviluppo delle piantine richiede un’attesa di circa 1-2 settimane. La distanza tra le

Ready people Naturally. Off could online pharmacy greece of love it wash t “about” Mania would too allprodetail.com lawrence walter pharmwc price obstruct bottles http://thegeminiproject.com.au/drd/buy-avodart-uk.php getting had given a site really use vacuum industry coarse propecia australia buy online first balm black viagra before and after pictures sun all compliments. And also antifungal pills over the counter here sparse easy etc suggestion http://spnam2013.org/rpx/alli-120mg in of my eyeglass levitra overnight one the temporary quality pill no rx fingertips fragranced of and too.

file è di circa 30-40 cm (in funzione dell’attrezzo utilizzato per le sarchiature ed eliminazione delle malerbe) mentre tra le piante possiamo tenerci tra i 20-40 cm.

Fertilizzazioni
La bietola a coste è una media consumatrice di N, P e K. Amante di suoli ricchi di sostanza organica e ben drenati, non richiede particolari concimazioni organiche azotate il cui rischio è solamente quello di favorire un accumulo di nitrati nelle foglie a scapito della salubrità del prodotto. Consigliamo compost o letami maturi soprattutto per le concimazioni autunnali.

Cure colturali ed irrigazione
Dopo la fase di trapianto e durante tutto il periodo estivo è necessario irrigare (almeno ogni 3-4 giorni) a seconda dell’andamento climatico. Evitare ristagni idrici inutili e pericolosi per l’asfissia radicale.
Nelle prime fasi è opportuno porre attenzione alle infestanti che vanno eliminate manualmente o con estirpatore.

Avversità
Cercospora o vaiolatura: malattia fungina la cui infezione viene favorita da temperature ed umidità elevate, i sintomi sono macchie rotonde marroni (successivamente nere) sulle pagine delle foglie.
Per contrastare questo fungo consigliamo di effettuare lavorazioni che consentano lo sgrondo delle acque (lavorazioni superficiali, utilizzo di ammendanti organici ad esempio) e nel caso di un attacco particolarmente intenso l’utilizzo di rame.
Segnaliamo inoltre l’utilizzo negli ultimi anni di funghi micorrizzici da spruzzo per contrastare l’occupazione delle nicchie ecologiche sulle pagine fogliari “disponibili” all’attacco di funghi patogeni. In biodinamica un decotto di Equisetum arvense in modo preventivo può assicurare la gestione di questi funghi sgraditi.
Alltica o pulce di terra: piccolo Coleottero (circa 12 mm di lunghezza) di colore verde-bluastro con riflessi metallici, in particolare sulle elitre. Il danno è determinato dagli stadi adulti; si manifesta sull’apparato aereo, specialmente sulle giovani piante con foglie cotiledonari o con le prime foglioline vere. Le altiche sono attive durante le ore più calde del giorno, passando la mano sulle foglie saltano via nascondendosi.Ritardare la messa a dimora può essere una strategia efficace, nel caso di forte attacco consigliamo di intervenire con piretro durante le prime ore della giornata.

Produzione e raccolta
Dopo circa tre mesi ha inizio la raccolta che è pari a circa 3-4 Kg al m2 (circa 30-40 q ha), consigliamo di raccogliere nelle ore fresche della giornata, di bagnare (sciacquare) le foglie e tenerle turgide.

Valori nutrizionali
La bietola da coste contiene vitamine A, C e K ed è ricca di sali minerali, soprattutto potassio, magnesio e calcio. Sono presenti acido folico e flavonoidi utili nella prevenzione del cancro, possiede proprietà digestive e lassative grazie all’alto contenuto di fibre.

Biodinamica
Consigliamo giorni di foglia per la semina e la raccolta, se si esegue trapianto immergere le radici in acqua dinamizzata con 500 (cornoletame) o spruzzare del 500 nei solchi, questo favorirà una forte stimolazione al radicamento.

CLIMA: ottimale per la crescita 15-20°C - minima 5°C  - esposizione soleggiata.

SEMINA:luna crescente - impianto 40x20 - 20 piante mq.

Recensioni

Non ci sono commenti dei clienti al momento.

Scrivi una recensione

BIETOLA DA ORTO PIATTA D'EGITTO - BIOSEME 0725

BIETOLA DA ORTO PIATTA D'EGITTO - BIOSEME 0725

ATTENZIONE: SI INFORMA CHE PER LE GRAMMATURE IL TEMPO DI ATTESA E' DI CIRCA UNA SETTIMANA PER GARANTIRE LA FRESCHEZZA E LA QUALITA' DEL PRODOTTO.

BARBABIETOLA, RADICE PIATTA DI COLORE ROSSO INTENSO, PRECOCISSIMA, RACCOLTA A 52 GIORNI DALL'EMERGENZA.

SEMINA DA FEBBRAIO A MAGGIO LA BUSTA CONTIENE CA. 150 SEMI

classificazione del seme ( legge sementiera n.1096 del 25 novembre 1971) categoria STANDARD
NUMERO DI SEMI PER GRAMMO 60
GERMINABILITA' MINIMA GARANTITA 70%
PUREZZA MINIMA GARANTITA 99%
DURATA DELLA GERMINABILITA' ANNI 5
DISTANZE DI SEMINA 15X35
PIANTE PER 1 METRO QUADRO 20
SEMINA DIRETTA – QUANTITA' DI SEME PER 1.000 MQ gr. 450 semina di precisione
SEMINA DIRETTA – QUANTITA' DI SEME PER 1.000 MQ gr. 2.000
PROFONDITA' DI SEMINA 1,5 CM
EMERGENZA DELLA PLANTULA A TEMPERATURA COSTANTE 10 GIORNI A 8°C
PERIODO DI SEMINA DA FINE INVERNO A META' ESTATE
CICLO VEGETATIVO GIORNI DALL'EMERGENZA 52
COLTIVAZIONE IN VASO POCO INDICATA
COLTIVAZIONE SU BALCONE POCO INDICATA
NOTE – effettuando il taglio delle foglie sopra la radice questa ricaccia nuove coste


Famiglia: Chenopodiaceae

Specie: Beta vulgaris var. Conditiva

Origine: bacino del Mediterraneo

CLIMA: ottimale per la crescita 15-20°C - minima 5°C - esposizione soleggiata.

SEMINA: luna crescente - impianto 40x20 - 20 piante mq.

BIOINFORMA Specie molto resistente, necessita di poche cure e di poca acqua, non è indicata la consociazione, coltura da rinnovo non deve seguire altre chenopodiaceae ( bietola da orto, roscano, spinacio ).

SCOPRI LA SCHEDA TECNICA CON TUTTI I DETTAGLI,CLICCA QUI O LEGGI QUI SOTTO.

Scrivi una recensione

30 altri prodotti della stessa categoria: